Comune di Cossano Belbo - Provincia di Cuneo - Piemonte

mercoledì 18 ottobre 2017

Navigazione del sito

Percorso di navigazione

 Ti trovi in:  Home » Guida al paese

Stampa Stampa

GUIDA TURISTICA

FRANCESCO BO detto CICHININ



Cossano Belbo 29/8/1875 - 13/12/1957

FRANCESCO BO  detto CICHININ


Bo Pietro Francesco Michele detto “Cichinin” nasce a Cossano Belbo il 29 agosto 1875 da Carlo di Pietro, fabbro ferraio e da Balbo Giovannina di Francesco, casalinga in Via Maestra n. 21, attualmente Piazza Francesco Bo. La famiglia BO apparteneva al ramo dei BO del concentrico, per distinguerla da quelli dello Scorrone e il pittore era cugino primo di Bo Giovanni (Bo Cit) impresario edile, sotto la cui guida venne edificata negli anni 1930-1945 la chiesa parrocchiale di S.Giovanni Battista. Cichinin ha sempre abitato nella cosiddetta “casa dell'ECA”, ora abbattuta, di proprietà delle sorelle Barbero, Carolina e Ginetta. Quest’ultima lavorava in qualità di persona di servizio presso una certa signora Pisano, vedova di un capitano dell’esercito, abitante a Genova che però in estate passava alcuni mesi a Cossano presso le sorelle Barbero, per accudire anche ad una cascina di cui era titolare in regione Borgo. Fu questa signora che comprese per prima l’intelligenza e la naturale predisposizione alla pittura del ragazzo, tanto che provvide a portarselo a Genova impartendogli le prime lezioni di cultura generale in modo da avviarlo alla letteratura e al disegno, mettendogli a sua disposizione i classici e un insegnante. Sovente lo portava nei suoi viaggi a Firenze e a Roma per fargli ammirare monumenti e musei e di questo periodo Cichinin se ne ricorderà sempre anche in futuro, parlandone con viva ammirazione. Nei confronti della Signora Pisano, il pittore dimostrò sempre una venerazione ed un rispetto immenso. Per guadagnarsi da vivere, incominciò ad eseguire lavori in qualità di imbianchino e di decoratore, operando in tutta la Valle Belbo e in altre frange dell’Albese (Mango, Castagnole Lanze, Neive). Veniva sovente richiesto ad eseguire ex-voto che gli venivano pagati e alcuni di questi si trovano ancora nella chiesa santuario Madonna della Rovere.Dipinge quadri con una furia sovrumana, lavora instancabilmente e si forma con gl’insegnamenti dei pittori Rizzola e Olindo di Canelli. Muoiono Carolina Barbero e la signora Pisano, Cichinin vive con Ginetta, la quale lascia per testamento le seguenti volontà: al pittore toccherà la casa fino alla sua morte, dopo di che tutto dovrà essere elargito ai poveri e sarà proprio dopo la sua scomparsa che la casa in Via Maestra 21 passerà al Comune di Cossano Belbo. Nella vecchiaia il pittore soffrirà di malattie mentali (mania di persecuzione, depressioni continue) e sovente si farà curare nel nosocomio di Racconigi e dove sarà ricoverato definitivamente il 16 marzo 1956, pur facendo ancora brevi apparizioni a Cossano, dove morirà l’anno dopo il 13 dicembre 1957, nella casa natale, assistito dalla famiglia DRELLO. L’opera lasciata da Cichinin è veramente notevole: innumerevoli quadri, pitture murali in Cossano Belbo, Castagnole delle Lanze, Rocchetta Belbo, Lequio, Niella Belbo, decorò varie chiese e cappelle votive (chiesa dei battuti in Cossano, S.Bovo, S.Libera, S.Pietro e molte case private) decine e decine di ex-voto. Attualmente, purtroppo, a parte i quadri, reperibili presso privati, della sua opera rimane ben poco. Cichinin fu, in vita, anche un apprezzato autore e dicitore di poesie d’occasione. Ne compose moltissime: anniversari, motivi politici come le elezioni comunali, nozze, compleanni di persone a lui vicine e memorabile quella per i cento anni del cossanese Vincenzo Tosa. I versi nascevano di notte durante le sue frequentissime crisi d’insonnia e al mattino si recava dall’insegnante Romana Drello per chiederne il parere sulla loro validità. Purtroppo queste poesie d’occasione sono andare perse. Cichinin visse quasi sempre appartato, non si sposò, ebbe, finché visse, in Ginetta Barbero una sorella e una madre, si occupò, unico suo impegno civile e sociale, della Società di Mutuo Soccorso che aveva la sua sede in Via Don Luigi Perrone, in qualità di socio direttivo della stessa. Fu un uomo religioso, ma laico. Il suo Dio era al di fuori e al di sopra di tutti, anche del clero con il quale ebbe sempre motivi di contrasto. Il suo testamento datato 9 giugno 1955, è la prova più valida di quell’onestà e dirittura morale che l’accompagnò per tutta la sua esistenza: erede universale viene nominato l’Ente Comunale di Assistenza che deve provvedere a disporre dei beni del pittore in questo modo: lire centomila al fratello Giovanni residente a Torino; lire centomila all’Asilo Infantile Cresta di Cossano Belbo; lire trentamila al Parroco per la chiesa parrocchiale; lire ventimila al santuario Madonna della Rovere; lire cinquantamila e gli indumenti nonché le altre cose personali alla signorina che aiutò per diversi anni il pittore e le sorelle Barbero nelle faccende di casa; il funerale di seconda classe e la salma dovrà essere tumulata nella tomba delle sorelle Barbero “essendovi ancora un loculo disponibile per me”, e il documento termina con le parole, riferendosi alle sorelle Barbero e ai legati precedenti che (gli stessi): “sono nella mia intenzione di considerarsi come atto di suffragio alle anime loro”.

Il testamento di Cichinin è esposto “incorniciato” alla parete della Sala consigliare del Municipio di Cossano Belbo.

In onore di Tosa Vincenzo che compie 100 anni

A custa schiera tuta quanta
festa granda

e a Centu nostr amis
senti sì Cichinin c’ai canta
la cansun del nostr pais.

Salve Centu centenari
cust bel dì u l’è rivà
a l’è in dì straordinari
ca sarà mai desmentià.

A dì sent ani a l’è na parola
ma a rivede ai va da fé
ti che tsei nen ed pasta frola
tsei rivaie vulenté

atturniaà da la famija
da j amis e dai parent
festegiuma an t l’alegria
cust grandius aveniment.

Ant na vita faticusa
dal travaj e dai pensé
la tua fibra prusperusa
a l’à mai lassate andré

cume la quercia resistenta
ca patis né al caud né al freid
anche an mesa a la tormenta
ti t’ai sempre tnì ben reid.

Cume el suld° s’un camp d’bataia
cun curage e cun amur
Centu a sfida la mitraia
cumbatend cun gran valur

e ti cume j’alpinista
dla montagna scalatur
an sla vetta d’la conquista
t’as piantà el bel Triculur

e d’acant la Bandiera
ca l’è basà dal sul e dal vent
d’pudei aussé la testa fiera
cun el to coeur propi cuntent

e an t’la gara d’l’esistensa
fra i tanti curidur
con la tua gran resistenza
t’es ti sul el vincitur.

Oh Cussan esulta pura
perché ancheui ti tlas rasun
d’canté gloria bela e pura
del to fort e bon campion

cun la fede e cun la scienza
ringrassiuma con tut el coeur
la divina Providensa
ed cust bel e grand buneur

e nui autri che il cel veduta
cusì fresch e cusì bel
dal Signor per tì invucuma
i pi bei favur del Ciel.

Eviva Centu! Nui griduma
ca cumpis sen ani ancheui
finch c’ai suma nui brinduma
prima a Centu, poei ai so fieui.

Per calmé i fum a la testa
ca l’à fame aun^ el vin bun
dop a custa bela festa
fuma d’cò in po’ ‘d riflessium.

Ca sia fede e la custansa
c’an susten nui autri ancheui
con an el coeur na speransa
quand che i digruma saré j oeui.

Stuma an pas e ntla concordia
confiduma ant el Signor
e ant la sua misericordia
per nui povri peccatur.


La speransa a l’è cula cosa
che a perdruma cun el fià
sarà cert na bela cosa
se sgruma rassegnà.

Ma Sanpé ca l’è in sant brau
per iutene an cul ambroeui
chiel cara l’à an man le ciau
a farà finta ‘d saré i oeui

a pena entrà che nui saruma
ant la gloria del Paradis
quanta gioia ca pruvruma
cun i parent e cun ij amis

e na vita bela e santa
per nui autri cumensrà
perché a dura tuta quanta
per l’immensa Eternità.

(Cichinin el Pitur – Cussan Belb, 27 gené 1953)


Il Comune di COSSANO BELBO ha intitolato una piazza a Francesco Bo "CICHININ", quella detta impropriamente "Piazza del Comune" anche sel il vecchio palazzo comunale aveva la sua facciata principale su Corso Fratelli Negro. E' una piazza in discesa che porta verso le scuole e verso la parte più antica di Cossano.

Documenti allegati:
Cichinin Bo Cichinin Bo (17,22 KB)


Foto di Cichinin Foto di Cichinin (985,64 KB)


dipinto di Cichinin dipinto di Cichinin (1,04 MB)


Affresco di Cichinin Affresco di Cichinin (2,95 MB)


Stemma di Cossano Stemma di Cossano (1,52 MB)






Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Cossano Belbo, Piazza Giovanni Balbo, 4
12054 Cossano Belbo (CN) - Telefono: +39 0141/88125 Fax: +39 0141/88540
C.F. 00404230047 - P.Iva: 00404230047
E-mail: info@comune.cossanobelbo.cn.it   E-mail certificata: comune.cossanobelbo@pec.comune.cossanobelbo.cn.it