Accesso ai servizi

AVVISO PER RIMOZIONE VEGETAZIONE SPONTANEA E PIANTE CROLLATE O PERICOLANTI ALVEO TORRENTE BELBO

SI RENDE NOTO

CHE CON LA DETERMINA DIRIGENZIALE DD-A18 653 DEL 16/03/2020 DELLA REGIONE PIEMONTE A1800A - OPERE PUBBLICHE, DIFESA DEL SUOLO, PROTEZIONE CIVILE, TRASPORTI E LOGISTICA A1816B - Tecnico regionale – Cuneo E’ AUTORIZZATA LA RIMOZIONE DELLA VEGETAZIONE SPONTANEA E DELLE PIANTE CROLLATE O PERICOLANTI DALL’ ALVEO ATTIVO E DALLE RELATIVE SPONDE DEL TORRENTE BELBO.

 

I PROPRIETARI FRONTISTI CHE INTENDANO PROVVEDERE DOVRANNO SEGNALARLO AL COMUNE SCRIVENTE ENTRO 10 GG. DALLA DATA ODIERNA.

VERRA’ DATA COMUNICAZIONE ALLA REGIONE PIEMONTE ED AI CARABINIERI FORESTALI PER I CONTROLLI DI LEGGE, SUCCESSIVAMENTE SI POTRA’ DARE INIZIO AI LAVORI.

 

L’ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI DOVRA’ RISPETTARE LE SEGUENTI PRESCRIZIONI:

- gli interventi dovranno riguardare esclusivamente la raccolta di piante abbattute dalla piena presenti in alveo e nelle aree perifluviali, ed il taglio di piante morte, senescenti, e fortemente inclinate presenti nell’alveo, sulle sponde e nelle pertinenze idrauliche demaniali;

- non possono essere tagliate piante arbustive, che, al contrario delle arboree hanno una funzione di stabilizzazione delle sponde;

- durante gli interventi deve comunque essere rispettato quanto disposto dall’art. 96, primo comma, lett. c) del R.D. n. 523/1904 (Testo unico sulle opere idrauliche) che vieta la rimozione delle ceppaie che sostengono le ripe;

- l’eventuale impiego di mezzi meccanici deve essere limitato esclusivamente alle operazioni di trasporto del materiale legnoso fuori dall’alveo;

- eventuali rampe possono essere realizzate esclusivamente per l’accesso all’alveo per la raccolta del materiale legnoso e il sito dovrà essere immediatamente ripristinato al termine delle operazioni di asportazione;

- il materiale legnoso recuperato potrà essere ritenuto dagli operatori a ciò interessati ed immediatamente allontanato dall’alveo e dalle aree perifluviali interessate dalla piena dei corsi d’acqua;

- il materiale di risulta (ramaglia e legname irrecuperabile) nonché quello eventualmente non ritenuto dagli operatori non dovrà essere lasciato in alveo bensì idoneamente accatastato in luogo sicuro per essere successivamente smaltito;

- il materiale legnoso divelto o fluitato non potrà in nessun caso essere bruciato in loco.

- è fatto divieto di asportazione di materiale lapideo o legnoso non rientrante nei punti precedenti.

Cossano Belbo, 22/05/2020


Documenti allegati:
Rimozione vegetazione Alveo BelboRimozione vegetazione Alveo Belbo (693,32 KB)